La Piazza delle Stelle
La Piazza delle Stelle
Home | Profilo | Registrazione | Argomenti attivi | Membri | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Spazio Autori
 Aspiranti autori
 Qualche regola - Punteggiatura, parole unite,...

Nota: Devi essere registrato per inserire una risposta.
Per registrarti, clicca qui. La registrazione e' gratuita.

Dimensioni dello schermo:
Nome utente:
Password:
Metodo di formattazione:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Allineato a sinistraCentratoAllineato a destra Separatore orizzontale Inserisci collegamentoInserisci e-mail Inserisci codiceInserisci citazioneInserisci elenco
   
Messaggio:

* HTML NON attivo
* Forum Code ATTIVO
Faccine
Sorriso [:)] Grande sorriso [:D] Figo! [8D] Arrossisco [:I]
Linguaccia [:P] Cattivo [):] Occhiolino [;)] Pagliaccio [:o)]
Occhio nero [B)] Eight Ball [8] Accigliato [:(] Timido [8)]
Sconvolto [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Baci [:X] Approvo [^] Disapprovo [V] Domanda [?]

 
Seleziona qui per abbonarti a questo argomento.
   

A N T E P R I M A    D E L L ' A R G O M E N T O
Admin Inviato - 11/02/2010 : 10:29:18
Lo segnalo qui, anche perche' questi link poi saranno utili a me per primo

Nei vari racconti/romanzi che arrivano in lettura (ormai siamo in media a due al giorno, solo di romanzi) ci sono alcuni difetti ricorrenti.
Al di la' del semplice refuso (che capita a tutti ma comunque non piace a chi deve leggere il vostro lavoro, perche' se non occasionale e' indice di trascuratezza e aumenta l'impegno di editing), ci sono spesso
  • apostrofi errati (un'asino, un oca, qual'e',...)
  • virgole che separano in modo artificioso il soggetto dal predicato verbale
  • punteggiatura "alla come capita"
  • ripetizione troppo ravvicinata di vocaboli identici (a volte ci sta bene... ma proprio a volte!)
  • termini che "rimano" troppo vicini (specie quelli in "ente")
  • vocaboli, in origine stranieri, scritti al plurale con la 's' (solitamente in italiano sono invariabili... quindi film, non films)
  • troppo ampio utilizzo di fare e dire (quest'ultimo soprattutto nei dialoghi); esistono molti termini piu' precisi
  • abuso degli aggettivi possessivi, spesso eliminabili con grande vantaggio per la scorrevolezza
  • vocaboli "dubbi" scritti erroneamente...
... e altro, che indichero' qui a mano a mano che mi capitera' di individuare la categorie di difetti piu' frequenti.

Intanto segnalo a tutti che un ottimo modo di togliersi dei dubbi (oltre naturalmente all'utilizzo di un buon dizionario) e' consultare il sito dell'Accademia della Crusca http://www.accademiadellacrusca.it/index.php e soprattutto le domande ricorrenti http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq.php?ctg_id=93&pag=2

Per due della categorie di errori che ho evidenziato piu' sopra, segnalo in particolare le loro pagine

Spero che troverete utili queste indicazioni

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
15   U L T I M E    R I S P O S T E    (Prima le piu' recenti)
argomizar Inviato - 25/02/2010 : 23:19:28
Vi segnalo un'altra cosa divertente.
A noi tutti hanno insegnato che si scrive "se stesso", cioe' "se" senza accento sulla e. Ebbene secondo alcuni grammatici non ci sarebbe una valida ragione per questa eccezione e consigliano di usare "se' stesso". Ma provatevi a farlo con un editore e vi mangera' vivi.
Personalmente preferirei usare la forma accentata, ma dopo innumerevoli e inutili discussioni mi sono arreso. Anche perche' facendo il traduttore dovrei costantemente litigare coi revisori (che spesso introducono di loro altre brutture). La piu' bella e' stata quella in cui Sudafrica, come stato e' stato modificato in Africa del Sud, che come stato non esiste, perche' e' solo un'entita' geografica.
Milland Inviato - 21/02/2010 : 14:07:12
Quando avro' bisogno di introdurre in un mio racconto una frase in lingua extraterrestre mi rivolgero' a te, Luigi. Ci hai la vocazione, tu, per le scritture futuribili e/o aliene (mai piaciuto quell'e/o, chissa' perche' ogni tanto mi scappa di usarlo!).

Milland
Davidg Inviato - 15/02/2010 : 21:44:09
Da incorniciare e appendere! Comunque bisogna anche dire che le lingue non sono immutabili nel tempo, usi scorretti a forza di insistere diventano norma. Io come insegnante di lettere dovrei non avere dubbi, invece mi sento come un pianista che deve continuamente riprovare il pezzo. Nel dubbio con umilta' si va a consultare il vocabolario

Davide Ghezzo
Admin Inviato - 15/02/2010 : 21:33:36
Nella tesi... arrivi tardi, Davide, e poi il refuso capita a tutti
La mia prima bella figura (poi ce ne sono state tante altre...) fu in seconda elementare, quando gonfio d'orgoglio scrissi:

Compito - Pensiero
Oggi abbiamo fatto un dettato e io non o fatto nianche un errore.

Sic, ma almeno avevo imbroccato l'apostrofo

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
Davidg Inviato - 15/02/2010 : 21:20:03
Io scrissi "qual'e'" nella tesi di laurea, perdendoci probabilmente la lode... quindi, Robottina, stai attenta. "Quale e'" di Mauro lo accettiamo, anche se suona un po' strascicato... scusate, ma il prof che e' in me non riesce proprio a tacere. Comunque mi sembra che stiamo formando un bel trio...

Davide Ghezzo
Milland Inviato - 15/02/2010 : 17:07:05
non ti addolorare, Robotina. Io sono ancora convinto, dura testaccia calabrese, che si tratti di "quale e'". Ma io sono un odiatore di "qual" e percio' non conto.
Ciao

Milland
luciana Inviato - 12/02/2010 : 15:39:36
A proposito, or che mi sovviene... in tutto cio' che ho scritto sicuramente troverai: "qual'e'". Purtroppo me l'insegnarono cosi' ai miei tempi, e solo dopo una vivace discussione con colleghi d'italiano e scrittori in cui difendevo il mio infantile "qual'e'", ho capito che si scrive "qual e'". (Questo e' accaduto solo qualche mese fa!) Sigh! Me tapina!

Robottina Stellare
Admin Inviato - 11/02/2010 : 19:17:43
quote:
Inserito originariamente da luciana

Se ti riferisci al Giulio Verne, in effetti non e' Luigi che lo bandisce. Lui si limitera' a pubblicare i vincitori.

Robottina Stellare



Verissimo... e neanche faccio parte della giuria. Ho gia' abbastanza da leggere cosi'

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
luciana Inviato - 11/02/2010 : 18:33:17
Se ti riferisci al Giulio Verne, in effetti non e' Luigi che lo bandisce. Lui si limitera' a pubblicare i vincitori.

Robottina Stellare
uno Inviato - 11/02/2010 : 17:47:46
In realta' c'e' un concorso, anche se non lo bandisce lui...


Gianluca Giannattasio
luciana Inviato - 11/02/2010 : 13:52:25
Non ne arrivano perche' tu ancora non bandisci concorsi!!! Coraggio, espanditi e anche tu godrai di questi privilegi!

Robottina Stellare
Admin Inviato - 11/02/2010 : 13:47:36
quote:
Inserito originariamente da luciana

Ohibo'... ed io che credevo che ad uno scritto bastava scrivere!
Ma se ad una, correzione ne seguono tante; ed ad un'altro scritto non ne seguono molte, poi mi si leggerebbe lo stesso, no?



.....E' che mi tremava un po' la tastiera sotto le dita!
Robottina Stellare



Aiuto, Luciana... ma io parlavo di scritti almeno presentabili... di solito non ne arrivano con questa densita' di... refusi...
(e cosi' abbiamo mostrato pure un altro difetto, che se scrivo di corsa e' anche mio: i troppi puntini di sospensione)

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
luciana Inviato - 11/02/2010 : 13:33:56
Ohibo'... ed io che credevo che ad uno scritto bastava scrivere!
Ma se ad una, correzione ne seguono tante; ed ad un'altro scritto non ne seguono molte, poi mi si leggerebbe lo stesso, no?



.....E' che mi tremava un po' la tastiera sotto le dita!
Robottina Stellare
Admin Inviato - 11/02/2010 : 11:33:31
quote:
Inserito originariamente da uno

Secondo me e' anche colpa di certe traduzioni dall'inglese pero'. Sono piene di possessivi e di 'che'... alla fine, ci prendi l'abitudine.


Gianluca Giannattasio



Ciao, Gianluca.
Verissimo... altre due cose sono i possessivi inutili (che in italiano non suonano bene) e i vocaboli stranieri scritti al plurale con la "s", che in italiano solitamente non ci vuole.
Poi inserisco anche questi, intanto grazie di avermelo ricordato

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
uno Inviato - 11/02/2010 : 11:25:16
E' vero, e' vero Dio sa quanti ne faccio.
Secondo me e' anche colpa di certe traduzioni dall'inglese pero'. Sono piene di possessivi e di 'che'... alla fine, ci prendi l'abitudine.


Gianluca Giannattasio

La Piazza delle Stelle © 2009-2010 Edizioni Della Vigna Vai all'inizio della pagina
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06