La Piazza delle Stelle
La Piazza delle Stelle
Home | Profilo | Registrazione | Argomenti attivi | Membri | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Chiacchiere in piazza
 Chiacchiere, film e altro
 La censura che cova sotto la cenere...

Nota: Devi essere registrato per inserire una risposta.
Per registrarti, clicca qui. La registrazione e' gratuita.

Dimensioni dello schermo:
Nome utente:
Password:
Metodo di formattazione:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Allineato a sinistraCentratoAllineato a destra Separatore orizzontale Inserisci collegamentoInserisci e-mail Inserisci codiceInserisci citazioneInserisci elenco
   
Messaggio:

* HTML NON attivo
* Forum Code ATTIVO
Faccine
Sorriso [:)] Grande sorriso [:D] Figo! [8D] Arrossisco [:I]
Linguaccia [:P] Cattivo [):] Occhiolino [;)] Pagliaccio [:o)]
Occhio nero [B)] Eight Ball [8] Accigliato [:(] Timido [8)]
Sconvolto [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Baci [:X] Approvo [^] Disapprovo [V] Domanda [?]

 
Seleziona qui per abbonarti a questo argomento.
   

A N T E P R I M A    D E L L ' A R G O M E N T O
Giancarlo Manfredi Inviato - 18/01/2011 : 19:16:35
... e ogni tanto riaffiora nei rigurgiti fascisti del nostro povero paese.
E fin troppo facile vedere roghi di libri e mani che si alzano in un lugubre saluto alla croce uncinata.
Certo questo non e' il mio di paese ne tali persone sono miei concittadini...

Giancarlo Manfredi

"Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo; il nostro compito e' di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo terra sana e pulita da coltivare." (Il ritorno del re, J.R. Tolkien)

p.s. rimando all'articolo pubblicato (persino) su fantascienza.com (!!!) per le persone che ancora non sanno di cosa si parla: http://www.fantascienza.com/magazine/notizie/14607/evangelisti-masali-catani-tra-gli-autori-da-mett/

p.p.s. e non chiedetemi se sono a favore o contro la scabrosa vicenda giudiziaria pretesto per l'esternazione fascista argomento di questo post: qualsiasi sia l'opinione personale di ciascuno di noi, questa non ha nulla a che vedere con il rispetto del pensiero altrui, con l'ostracismo politicizzato e con la censura di opere non perche' inneggianti al male, ma per la firma che e' loro apposta in calce.

p.p.p.s. e perdonatemi lo sfogo
12   U L T I M E    R I S P O S T E    (Prima le piu' recenti)
Admin Inviato - 24/01/2011 : 08:43:40
quote:
Inserito originariamente da Giancarlo Manfredi

In tutti i casi rinnovo le mie scuse se mi sono permesso di coinvolgere nella discussione la comunita' di questo forum, ma parlando di libri - materia che credo molti di noi amino - mi sembrava un argomento pertinente.


Ciao, Giancarlo.
Non c'e' nulla di cui scusarsi: la censura dei libri e' un argomento piu' che pertinente per gli editori e per i lettori. Anzi, grazie per l'intervento.

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
argomizar Inviato - 23/01/2011 : 17:09:26
quote:
Inserito originariamente da argomizar

bruciare libri sembra indispensabile per certa gente. Ricordiamo il famoso rogo di libri nazista? Vorrei pero' ricordare anche i roghi di libri e riviste fascisti bruciati dai partigiani italiani dopo la caduta del fascimo. Avevo fatto una ricerca di articoli apparsi sul Popolo di Alessandria e ho scoperto che i numeri sono introvabili perche', come mi disse il bibliotecario, i partigiani fecero dappertutto roghi di libri e riviste. Speriamo che la Lega non si metta anche lei a bruciarli, ma si limiti a inizitive stupide come questa. Dimenticavo di aggiungere la Chiesa con L'Indice dei Libri Proibiti e i rogho dei libri degli Aztechi e i musulmani col rogo dei libri della Biblioteca d'Alessandria. Ce n'e' per tutti, signori!

Giancarlo Manfredi Inviato - 22/01/2011 : 13:17:13
D'accordo su tutta la linea, tuttavia...
...Anche questo fatto vergognoso verra' dimenticato in pochissimo tempo senza apparenti conseguenze per gli autori.
Uso il termine vergogna perche' tali misure oscurantiste - oltre che anticostituzionali - sono state promosse da persone che, ricoprendono un ruolo istituzionale (e oltre tutto pagate con le nostre tasse), lo hanno travalicato.
In seconda istanza perche' non si e' sollevata alcuna voce abbastanza forte e competente e autorevole per rispondere a tono oltre che ufficialmente.
Infine per il vuoto di partecipazione alla vita della nazione, vacuita' che invece questi personaggi [censura] riempiono impropriamente con la loro tronfia violenza.
Ripeto, qui non si sta parlando dell'estradizione, della colpevolezza o dell'eventuale ingiustizia nei confronti di Cesare Battisti (terrorista o vittima che sia), ma di una strisciante voglia di dittatura che nel nostro paese cova sotto la un sottile strato di cenere perbenista.
Vabbe' basta cosi'...
In tutti i casi rinnovo le mie scuse se mi sono permesso di coinvolgere nella discussione la comunita' di questo forum, ma parlando di libri - materia che credo molti di noi amino - mi sembrava un argomento pertinente.

Giancarlo Manfredi

http://www.webtrekitalia.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1812

P.S. Ho trovato una citazione che mi sembra ben adattarsi al tema di questo post: "Spiegare la Resistenza a una diciottenne di oggi e' una missione impossibile. La strada piu' sbagliata che si possa immaginare e' quella della pura violenza, del sangue dei vinti e dei vincitori…Io preferisco parlarti della guerra contro i libri che non fu meno cruenta” (Alberto Cavaglion La Resistenza spiegata a mia figlia)




Davidg Inviato - 21/01/2011 : 22:10:42
Scusate il pastrocchio! Cerco di salvarmi in corner col mio latino, ricordando che repetita iuvant...

Davide Ghezzo
Davidg Inviato - 21/01/2011 : 22:09:19
Per distruggere l'avversario - etnico, politico, religioso -, oltre al corpo fisico se ne distruggono i libri, le espressioni di pensiero (ricordo il caso di un noto uomo di cultura, che si ritrovo' coi libri piu' amati e letti strappati e sgorbiati dalla moglie con cui stava divorziando...). E' stato l'atteggiamento di Hitler, ma anche dei comunisti d'oltrecortina. Oggi questo atteggiamento e' proprio dei terroristi e dei fondamentalisti religiosi: pensiamo, ad esempio, alla liberta' di stampa, magari satirica, in Iran... In Italia supponiamo di non arrivare a questo; di aver imparato a non essere servi di nessuno, e nemmeno liberticidi.

Davide Ghezzo
Davidg Inviato - 21/01/2011 : 22:01:38
Per distruggere l'avversario, oltre al suo corpo fisico se ne distruggono i libri, le espressioni di pensiero e cultura. E' stato l'atteggiamento di Hitler, ma anche dei comunisti d'oltrecortina. Oggigiorno cosi' si esprimono i terroristi e i fondamentalisti: pensiamo al diritto di pensiero, magari satirico, in Iran... In Italia supponiamo di non arrivare a questo; di aver imparato a non essere servi di nessuno, ne' liberticidi.

Davide Ghezzo
argomizar Inviato - 21/01/2011 : 18:01:25
bruciare libri sembra indispensabile per certa gente. Ricordiamo il famoso rogo di libri nazista? Vorrei pero' ricordare anche i roghi di libri e riviste fascisti bruciati dai partigiani italiani dopo la caduta del fascimo. Avevo fatto una ricerca di articoli apparsi sul Popolo di Alessandria e ho scoperto che i numeri sono introvabili perche', come mi disse il bibliotecario, i partigiani fecero dappertutto roghi di libri e riviste. Speriamo che la Lega non si metta anche lei a bruciarli, ma si limiti a inizitive stupide come questa.
Davidg Inviato - 20/01/2011 : 11:39:56
La lezione del 900, evidentemente, non e' ancora abbastanza chiara... Bisogna ripeterla, ribadirla - io lo sto facendo fino alla nausea, coi miei figli e allievi. Essa e' la seguente: quando l'uomo, nel tentativo - piu' o meno in buona fede - di contribuire alla costruzione di un corpo sociale piu' giusto, coeso, equilibrato, attenta alle liberta' fondamentali dell'individuo, automaticamente imbocca un vicolo cieco. Il suo treno si incagliera' nelle foreste dell'assurdo. Insisto: bisogna ripeterlo ai giovani, includendo nell'argomento i "miti" da smontare, come il "Che" Guevara, nobile assassino a sangue freddo.

Davide Ghezzo
Admin Inviato - 20/01/2011 : 10:20:56
Invito infine gli utenti del forum che gia' non la conoscono a cercare su Internet un testo (mi pare di Martin Niemoller), che nella traduzione italiana inizia con "Prima di tutto vennero a prendere gli zingari".

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
Admin Inviato - 20/01/2011 : 10:11:17
Segnalo che non solo in Veneto i bibliotecari sono stati invitati a togliere i libri dalle biblioteche, ma i presidi saranno invitati a non adottare, far leggere o conservare nelle biblioteche i testi diseducativi degli autori che hanno firmato l'appello a favore di Cesare Battisti.
Cosa ci sia di "diseducativo", nei testi che io ho letto di alcuni degli autori citati, per me resta un mistero... altro discorso sarebbe un libro "apologia del terrorismo", ma qui si tratta di una cosa ben diversa.

Comunque ormai la polemica e' arrivata anche su Repubblica: http://www.repubblica.it/politica/2011/01/20/news/all_indice_nell_regione_veneto_nelle_scuole_proibiti_saviano_e_i_pro-battisti-11431272/?ref=HREC1-2

Infine, attenzione in eventuali commenti successivi all'Art. 290 del codice penale:
"Chiunque pubblicamente vilipende la Repubblica, le assemblee legislative o una di queste, ovvero il Governo, o la Corte costituzionale, o l’ordine giudiziario e’ punito con la multa da euro 1.000 a euro 5.000".

... e all'Art. 291:
"Chiunque pubblicamente vilipende la nazione italiana e’ punito con la multa da euro 1.000 a euro 5.000".

Prima (fino al 2006, con la legge 24 febbraio 2006, n.85) si parlava di reclusione da sei mesi a tre anni. Non so se ci sono state modifiche successive, ma nel dubbio meglio non incapparci...

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
Giancarlo Manfredi Inviato - 19/01/2011 : 15:35:10
quote:
Scusate, non vorrei infierire ma... possibile che ci si accorga solo ora (e parlo in generale) di queste cose? Possibile che in questo Paese bisogna prima scottarsi per capire che il fuoco scotta? Se si mettono in secondo piano certe questioni, e' normale poi ritrovarsene di fronte le conseguenze. Negli Stati Uniti d'America (non in URSS o in Cina) e' impensabile mandare alla Casa Bianca un Gates o un Foreman, a meno che non rinuncino alla posizione di privilegio che hanno nell'ambito della comunicazione di massa. E noi appassionati di fantascienza queste cose le sappiamo benissimo!
Aggiungiamoci poi l'eliminazione totale delle minoranze dal parlamento e il gioco e' fatto...
A.F.D.


Domanda Alessandro Barbano a Umberto Eco nel libro "Dove andremo a finire" (Einaudi): "Siamo a un congresso intergalattico di studi archeologici per discutere le vestigia di quella civilta' che fiori' nella penisola italica prima della catastrofe del 2020 dell'e'ra antica. A suscitare l'interesse dei partecipanti e' il fatto che nella criptobiblioteca italiana non si rinvengano opere di alcun valore letterario risalenti ai due o tre decenni precedenti all'esplosione, dopo la pubblicazione di un romanzo certamente famoso, poiche' ritrovato in decine di copie, intitolato Il nome della rosa. Tra il 1980 e il 2020 la letteratura italiana e' andata incontro a un processo di estinzione?"

Ecco, oggi, una possibile risposta: "Tutti bruciati nel rogo dell'ignavia, dell'ignoranza e dell'avidita'".

Qui, signori, non si dovrebbe discutere del fatto che, nel nostro paese, sono ignorati, condonati, depenalizzati passano in decorrenza dei termini ed infine passano in cavalleria reati - dal furto di galline alla strage (e non di polli) - di ogni genere e che il mondo ci ride dietro, fosse solo per l'irreprensibile (brutta) figura etica della nostra politica.
Per non parlare del fatto che di criminali all'estero ne abbiamo esportati parecchi e di diversa estrazione e colore politico e non per tutti questi galantuomini il clamore mediatico ha avuto lo stesso livello sonoro.
No, signori, qui stiamo valutando il fatto che si e' ribaltato il teorema che vuole il pesce puzzare prima dalla testa.
Che sia solo un caso che ad ogni pie' sospinto saltano fuori antiche pulsioni (a quanto pare mai sopite) che ci riportano a deprecati momenti della nostra storia?
Possibile tanta miopia di fronte alla realta'?
Perche' non si ricerca la verita' confrontando le fonti, ragionando e ricercando?
Cosa si aspettano i tanti difensori di cio' che non e' razionalmente possibile difendere?
In un tripudio di neolingua (di orwelliana memoria) scompariranno di certo i libri, bruciati nei termovalorizzatori nucleari e sostituiti (cosi' immagino) da nani di provata fede, ballerine di scorta e grandi sorelle catodiche.
Alla facciaccia della Fantascienza sociologica degli anni '60!!!

Giancarlo Manfredi

www.webtrekitalia.it

p.s. e pensare che il capitano Picard dell'astronave Enterprise mi diceva sempre: “Con il primo anello e’ gia' formata la catena! Il primo discorso censurato… Il primo pensiero proibito… La prima liberta' negata… ci incatena tutti irrevocabilmente. [...] La prima volta che la liberta’ di un qualsiasi uomo venisse calpestata, ne subiremmo tutti il danno!”
syllon Inviato - 19/01/2011 : 13:56:55
quote:
Inserito originariamente da Giancarlo Manfredi

... e ogni tanto riaffiora nei rigurgiti fascisti del nostro povero paese.
E fin troppo facile vedere roghi di libri e mani che si alzano in un lugubre saluto alla croce uncinata.
Certo questo non e' il mio di paese ne tali persone sono miei concittadini...

Giancarlo Manfredi

"Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo; il nostro compito e' di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo terra sana e pulita da coltivare." (Il ritorno del re, J.R. Tolkien)

p.s. rimando all'articolo pubblicato (persino) su fantascienza.com (!!!) per le persone che ancora non sanno di cosa si parla: http://www.fantascienza.com/magazine/notizie/14607/evangelisti-masali-catani-tra-gli-autori-da-mett/

p.p.s. e non chiedetemi se sono a favore o contro la scabrosa vicenda giudiziaria pretesto per l'esternazione fascista argomento di questo post: qualsiasi sia l'opinione personale di ciascuno di noi, questa non ha nulla a che vedere con il rispetto del pensiero altrui, con l'ostracismo politicizzato e con la censura di opere non perche' inneggianti al male, ma per la firma che e' loro apposta in calce.

p.p.p.s. e perdonatemi lo sfogo




Scusate, non vorrei infierire ma... possibile che ci si accorga solo ora (e parlo in generale) di queste cose? Possibile che in questo Paese bisogna prima scottarsi per capire che il fuoco scotta? Se si mettono in secondo piano certe questioni, e' normale poi ritrovarsene di fronte le conseguenze. Negli Stati Uniti d'America (non in URSS o in Cina) e' impensabile mandare alla Casa Bianca un Gates o un Foreman, a meno che non rinuncino alla posizione di privilegio che hanno nell'ambito della comunicazione di massa. E noi appassionati di fantascienza queste cose le sappiamo benissimo!
Aggiungiamoci poi l'eliminazione totale delle minoranze dal parlamento e il gioco e' fatto...

A.F.D.

La Piazza delle Stelle © 2009-2010 Edizioni Della Vigna Vai all'inizio della pagina
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06