La Piazza delle Stelle
La Piazza delle Stelle
Home | Profilo | Registrazione | Argomenti attivi | Membri | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Chiacchiere in piazza
 Sulla fantascienza e gli altri generi
 La SF e' morta? (Da un pulp del 1935)

Nota: Devi essere registrato per inserire una risposta.
Per registrarti, clicca qui. La registrazione e' gratuita.

Dimensioni dello schermo:
Nome utente:
Password:
Metodo di formattazione:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Allineato a sinistraCentratoAllineato a destra Separatore orizzontale Inserisci collegamentoInserisci e-mail Inserisci codiceInserisci citazioneInserisci elenco
   
Messaggio:

* HTML NON attivo
* Forum Code ATTIVO
Faccine
Sorriso [:)] Grande sorriso [:D] Figo! [8D] Arrossisco [:I]
Linguaccia [:P] Cattivo [):] Occhiolino [;)] Pagliaccio [:o)]
Occhio nero [B)] Eight Ball [8] Accigliato [:(] Timido [8)]
Sconvolto [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Baci [:X] Approvo [^] Disapprovo [V] Domanda [?]

 
Seleziona qui per abbonarti a questo argomento.
   

A N T E P R I M A    D E L L ' A R G O M E N T O
Admin Inviato - 18/06/2013 : 08:50:29
Stamattina, sfogliando una vecchia rivista americana, mi sono imbattuto in un pezzo che, visti i periodici commenti sulla morte della SF, potrebbe essere stato scritto anche ieri. Vedete un po' voi...

Da Wonder Stories, giugno 1935, pag. 9 (parte dell’introduzione al racconto Seeds from Space):

It is safe to say that the average reader of science-fiction thinks that all the plots have been used at one time or another, and that there is nothing new under the sun as far as an entirely new idea in science-fiction is concerned.

Si puo' affermare con certezza che il lettore medio di fantascienza pensi che una volta o l’altra tutte le trame siano gia' state sfruttate, e che per quanto riguarda un’idea completamente nuova di fantascienza non ci sia niente di nuovo sotto il sole.

OK, giusto come curiosita'

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
6   U L T I M E    R I S P O S T E    (Prima le piu' recenti)
Quorra Inviato - 17/03/2014 : 17:30:02
quote
La fantascienza, come ogni altro genere letterario, probabilmente non ha nulla a che vedere con la novita', la novita' delle idee, intendo, ma con la forma storica che idee e valori, trasformandosi, lentamente assumono...


Caro Milland trovo questa frase davvero perfetta, soprattutto perche' incontra una mia elucubrazione dopo aver visto il film "RoboCop", quello nuovo. "RoboCop" e' una idea fantascientifica proveniente dagli anni '80 (quindi neanche tanto vecchia) riproposta nel 2014 con una nuova lettura e questo mi ha fatto ragionare sulla diversa esperienza, dal momento che ho "vissuto" entrambi i film in due momenti diversi: diversa la lettura dell'autore, diversa l'interpretazione dello spettatore, diverso il momento storico e alla fine cambia l'intera esperienza e non parlo di quella visiva ma di quella sociale e contestuale. "RoboCop" diviene quindi un perfetto esempio a supporto di quello che tu hai scritto.

Quorra
Milland Inviato - 05/03/2014 : 11:50:00
Ok, con calma, aspetto...

Milland
Admin Inviato - 05/03/2014 : 08:37:36
Vero. Ne riparliamo privatamente.

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
Milland Inviato - 04/03/2014 : 21:20:51
Io sarei tentato, ma occorrebbe lo sforzo congiunto di diverse voci, discordanti e concordanti nello stesso tempo, per riuscirci.


Milland
Admin Inviato - 04/03/2014 : 12:32:05
quote:
La fantascienza [...] ma con la forma storica che idee e valori, trasformandosi, lentamente assumono. [...] La sensibilita' di ogni epoca poi, rispetto a idee e valori, muta, mutano le gerarchie, mutano i divieti e le richieste [...]


Concordo. A quando una Storia sociale della fantascienza? (Al liceo avevo letto una Storia sociale dell'arte, se non ricordo male l'autore era Hauser.) Chi se la sente?

Edizioni Della Vigna
Luigi Petruzzelli
Milland Inviato - 04/03/2014 : 09:31:44
Una curiosita'? Certamente. Ma sulla quale riflettere. Potrebbe contenere elementi che consentono di meglio definire non la fantascienza, ma la medesima letteratura. La fantascienza, come ogni altro genere letterario, probabilmente non ha nulla a che vedere con la novita', la novita' delle idee, intendo, ma con la forma storica che idee e valori, trasformandosi, lentamente assumono (amore per noi e' una cosa, per gli uomini dell'Ottocento gia' un'altra: anche se ambedue le concezioni afferiscono a una medesima necessita' umana). La sensibilita' di ogni epoca poi, rispetto a idee e valori, muta, mutano le gerarchie, mutano i divieti e le richieste delle persone: mutano incessantemente. La letteratura di fantascienza, come tutte le cose umane, un giorno perira', ma non perche' sono finite le idee, LE IDEE NON FINISCONO MAI, ve ne sono sempre nuove in circolazione, ma perche' sara' finita la spinta a produrla, l'interesse delle masse allo specifico approccio proposto dalla fantascienza, al suo particolare modo di trattare le idee.

Milland

La Piazza delle Stelle © 2009-2010 Edizioni Della Vigna Vai all'inizio della pagina
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06